Il Fisco alleggerisce i debiti con la Rottamazione Bis

Una boccata d’ossigeno per chi è in debito col Fisco perché i conti si potranno pareggiare senza sanzioni o interessi di mora. Il Governo dà il via, dopo un precedente provvedimento, alla “rottamazione bis” delle cartelle esattoriali, che ha già creato introiti per lo Stato portato circa 2 miliardi di euro.

Coinvolti le seguenti categorie: A) I contribuenti che hanno ricevuto un avviso di accertamento dal 1° gennaio al 30 settembre 2017 oltre agli esclusi dalla prima rottamazione, B) chi abbia scordato di pagare una rata del debito, C) Le persone a cui era stata respinta la domanda in quanto non in regola con il pagamento di tutte le altre.

Queste categorie dovranno presentare una nuova istanza di adesione alla definizione agevolata entro la fine del 2017. Sarà poi l’Agenzia a inviare di nuovo, entro il 31 marzo 2018, una comunicazione con l’importo del debito non versato.

Previsto inoltre un salvacondotto per chi non ha ancora pagato la prima rottamazione: costoro non perderanno i benefici previsti dalla definizione agevolata se provvederanno al pagamento entro il 30 novembre 2017, tramite bollettini ricevuti dall’agente della riscossione. Secondo il D.L. sarà possibile effettuare il pagamento sia in un’unica soluzione che fino a un massimo di cinque rate, fino a febbraio 2019.

Questo il link contenente moduli da scaricare e scadenze.

Katia Ardemagni

(Visited 59 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *