Amici animali in ospedale? In Lombardia si può!

Porte aperte negli ospedali anche agli amici a quattrozampe. Giulio Gallera, assessore al welfare della Regione Lombardia, ha infatti annunciato l’applicazione regionale della legge nazionale che regola l’accesso alle strutture ospedaliere degli animali di affezione. “Con il Regolamento regionale del 13 aprile 2017 abbiamo individuato i criteri per l’accesso di animali d’affezione alle strutture sanitarie e sociosanitarie pubbliche e private accreditate, fornendo una risposta alle richieste di numerosi pazienti. Siamo convinti che consentire ai pazienti di ricevere le visite del proprio animale d’affezione abbia un valore terapeutico straordinario e ringrazio l’associazione ‘Amo gli animali onlus’ per la realizzazione di questo spot che sensibilizzerà anche altre Regioni a seguire l’esempio della Lombardia”.

Lo spot in questione è quello girato e finanziato dall’associazione “Amo gli animali onlus”che ha tra i protagonisti l’attore Gabriele Cirilli. “16 delle 27 Asst lombarde – ha spiegato l’assessore – hanno già deliberato il proprio regolamento interno e già oggi è possibile per i pazienti ricevere la visita dei propri animali d’affezione, le altre 11 lo predisporranno comunque entro la fine dell’anno”. Tra le aziende ospedaliere che hanno già aderito all’iniziativa c’è anche l’Asst Melegnano Martesana.

 Secondo il regolamento regionale, nelle strutture potranno accedere i cani iscritti all’anagrafe degli animali d’affezione, i gatti, e conigli, ovviamente bisognerà attenersi ad alcune norme comportamentali e igieniche.  Le ASST che hanno già adottato un proprio regolamento hanno predisposto la modulistica necessaria per la richiesta di autorizzazione e l’idoneità veterinaria per l’accesso degli animali alla struttura ospedaliera. Il regolamento completo e l’elenco delle Asst che hanno già approvato il regolamento è visibile a questo link.

 

 

(Visited 33 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *